To show sotck chart

Archive for the ‘Azioni minerarie aurifere’ Category

Indici azionari settoriali di oro e argento: prospettive

AZIONIAURIFERE

Nonostante i forti ribassi degli indici azionari settoriali  (da me puntualmente previsti), sia lo XAU che lo HUI sono ampiamente, abbondantemente, estesamente…….sottovalutati!

Per esempio: lo XAU Index, a inizio gennaio del 1979, era arrivato a 100 punti: nel momento in cui scrivo, lo XAU, è a 82,48 punti……quasi sotto del 18% rispetto a 37 anni fa! Read more »

XAU e HUI ancora sotto pressione

AZIONIAURIFERE

Sabato 7 maggio, scrivevo un articolo con il quale informavo che mi attendevo un storno ribassista su entrambi gli indici azionari settoriali di oro e argento, lo XAU e lo HUI.

Dopo 3 mesi e messo di corsa al rialzo, a mio avviso, entrambi gli indici erano pronti per una fase di contrazione nelle loro quotazioni (ricordate che NIENTE si muove lungo una linea retta per molto tempo: sicché anche quando regna il mercato “toro” si verificano momentanee battute d’arresto – inoltre il mese di maggio non è mai stato molto favorevole per il mercato azionario in generale, in commemorazione della massima “sell in May and go away”).

Pertanto, presagivo una fase di ribasso che si è concretizzata proprio a partire dalle contrattazioni di lunedì 9 maggio (esattamente due giorni dopo aver pubblicato il mio articolo). Read more »

Forte ribasso sui titoli azionari minerari?

AZIONIAURIFERE

Ritengo che, sui titoli azionari minerari, sia sullo XAU che sullo HUI, sia in arrivo un forte ribasso causato da imponenti prese di beneficio da parte dei fondi d’investimento.

Per quale motivo faccio questa affermazione?

Beh, molto semplice, per un motivo di semplice calcolo matematico.

Da inizio anno (2015) l’oro ha guadagnato circa il 23% mentre l’argento circa il 29%.

Prova invece a dare un’occhiata al grafico dello XAU – Philadelphia Gold & Silver Index (sempre da inizio anno) qui sotto. Read more »

Rialzo degli indici azionari metalli preziosi: una conferma

AZIONIAURIFERE

Confermo come da precedente analisi, la fase rialzista per gli indici azionari del settore metalli preziosi.

Siamo solo all’inizio di un trend rialzista di lungo periodo: tieni presente che gli indici azionari del settore “Gold Mines” tendono ad anticipare le fasi rialziste dell’oro fisico, pertanto, anche il metallo giallo seguira’ il rally del settore azionario dei preziosi (le quotazioni dell’oro fisico stanno riflettendo il rialzo degli indici settoriali e viceversa). Read more »

Rally rialzista per l’azionario minerario aurifero?

AZIONIAURIFERE

Avevo approfondito l’analisi dell’azionario minerario aurifero a inizio mese e con quest’ulteriore analisi  potremmo avere la conferma che il settore sia in procinto di inaugurare una fase rialzista.

Analizziamo l’andamento dell’indice settoriale Hui Gold Bugs Index.

Nel 2015, l’indice delle 18 Compagnie Minerarie attive nel settore aurifere ha attraversato una pesante fase ribassista, calando di quasi del 50% negli ultimi 6 mesi! Read more »

Mercato azionario per il lungo termine: Hui Gold Bugs Index a 15.000 punti!

AZIONIAURIFERE

 

Se mi leggi su Deshgold o sul mio blog, sai che il sottoscritto, predilige sempre l’investimento di lungo termine, sia che si tratti di oro fisico che di azioni; a livello personale, sono AVVERSO alla speculazione di breve termine (short-term), speculazione fine a se stessa.

Se il tuo intendimento e’ di  migliorare le performances dei tuoi rendimenti sull’oro e l’argento fisico che detineni, DEVI INVESTIRE IN AZIONI MINERARIE.

E’ probabile che tu conosca anche l’indice azionario HUI GOLD BUGS INDEX: il Gold Bugs Index e’ un indice settoriale relativo alle compagnie estrattive del settore minerario aurifero (a differenza del Philadelphia Gold and Silver Index, che e’ un indice settoriale del settore aurifero e argentifero). Read more »

Oro, materie prime e mercato azionario

di Riccardo Gaiolini

L’oro ha terminato la sessione odierna a quota $1.337,00, l’argento a $21,98;

forte rialzo anche per i metalli preziosi non monetari: platino chiude a $1.436,00 e palladio a $740,00.

Oro e argento chiudono ai massimi DA 4 MESI A QUESTA PARTE.  Read more »

FOLLOW THE MONEY: Soros punta sul crash dell’azionario – News e mercati: un’utile lezione

di Riccardo Gaiolini

market-in-turmoil

 

La Soros Fund Management, veicolo d’investimento dell’ottantatreenne investitore miliardario, George Soros, punta sul “crash” del mercato azionario.

Nel quarto trimestre 2013, Soros ha acquistato diritti d’opzione “put” sul mercato azionario, per un controvalore di 1,3 miliardi di dollari (con un aumento del 154% di opzioni “put” rispetto al trimestre precedente; Soros, si sta pertando “coprendo” da un eventuale crash dell’azionario (non solo si sta “coprendo” – ma Soros sta “prevedendo” e “anticipando” l’evento).

Qui sotto trovi il grafico con i numeri delle opzioni “Put” del Soros Fund Management. Read more »

Profitti in calo e svalutazioni per le prime dieci compagnie minerarie aurifere.

 di Riccardo Gaiolini

Gli ultimi dati trimestrali confermano la crisi del settore: ma le quotazioni azionarie, adesso, risultano veramente appetibili 

Questo sito internet, si caratterizza per l’analisi finanziaria delle compagnie attive nei piu’ disparati settori energetici (petrolio, gas,  l’ampia gamma delle energie rinnovabili, nucleare ecc.). 

Provenendo dal settore dei metalli preziosi, ritengo integrare l’analisi di cui sopra con l’approfondimento delle azioni del settore minerario.

 

Le prime dieci compagnie minerarie aurifere, chiudono un’orrible secondo trimestre dell’anno, dal punto di vista dei profitti e delle svalutazioni.

La quarta compagnia mondiale, Goldcorp, e’ stata costretta a svalutare assets a bilancio, per un totale di US $ 1,96 miliardi; Newmont Mining, la seconda al mondo, ha svalutato attivi di bilancio per US $ 1,8 miliardi.

L’australiana Newcrest Mining, la sesta compagnia globale, ha svalutato attivi per un totale di US $ 6 miliardi; la terza compagnia, invece, la AngloGold Ashanti, ha deprezzato assets per un valore compreso tra gli US $ 2,2 miliardi e i US $ 2,6 miliardi.

Read more »